I benefici della melatonina, a cosa serve e quali sono le controindicazioni; ne hai mai sentito parlare? La melatonina è un ormone decisamente importante per la salute del corpo e della mente. Scoperta in tempi piuttosto recenti, nel 1958 è stata isolata per la prima volta nella ghiandola denominata epifisi.

I benefici della melatonina, a cosa serve e quali sono le controindicazioni

Aaron Lerner (1920 – 2007), fisico e ricercatore statunitense, è colui a cui dobbiamo la rivoluzionaria scoperta; l’uomo è parte integrante della storia della medicina.

Cos’è la melatonina?

Si tratta di un ormone idro-liposolubile prodotto dalla ghiandola pineale (o epifisi) situata nel cervello; la funzione principale è quella di regolarizzare il ritmo circadiano.

Il nostro corpo funziona come una macchina perfetta: la produzione di melatonina si abbassa vertiginosamente quando la retina manda segnali di luce. Non appena torna il buio, l’ormone si ripresenta in abbondante quantità, ecco perché avvertiamo quel senso di stanchezza associato a voglia di dormire, che varia da individuo a individuo.

Secondo recenti studi, la melatonina funge inoltre da agente anti age. Dormire in modo sano migliora il livello generale di salute, favorendo la diminuzione di stress, ansia e problemi legati al sonno.

Quali sono i maggiori disturbi del sonno?

I disturbi del sonno sono spesso causa di stress e si dividono in due tipologie ben distinte. La prima si riferisce a quei soggetti caratterizzati da sonno regolare, ma con difficoltà nell’addormentarsi. La secondo riguarda chi prende sonno in maniera molto facile, riscontrando tuttavia un riposo particolarmente disturbato.

La melatonina risulta efficace in queste situazioni, studi scientifici hanno dimostrato effetti positivi soprattutto nel primo dei due casi.

Molte persone assumono integratori a base di melatonina per combattere le problematiche legate all’insonnia (compreso lo stress da jet leg). E’ importante informarsi adeguatamente a riguardo; l’approccio con gli integratori deve essere graduale e ben organizzato. Agire in modo avventato potrebbe infatti rivelarsi controproducente.

Quando è utile assumere integratori di melatonina?

L’assunzione di melatonina migliora la regolarizzazione del ritmo dormi-veglia, abbassando i livelli di stress derivanti dal sonno disturbato.

I medici sconsigliano l’utilizzo degli integratori in casi specifici, ovvero:

  • Età pediatrica

Assumere melatonina in età pediatrica è spesso sconsigliato, parliamo infatti di un ormone che potrebbe interferire con il corretto sviluppo fisico.

  • Allattamento

Gli integratori di melatonina durante la gravidanza e l’allattamento non sono raccomandabili; lo stesso discorso vale se stai cercando un figlio. L’integrazione di ormoni potrebbe infatti modificare l’efficacia del concepimento alterando i valori basici della madre.

  • Diabete

L’assunzione di melatonina determina una maggiorazione della glicemia nei consumatori soggetti a diabete. Se ne sconsiglia quindi l’utilizzo.

  • Depressione

L’ormone prodotto dalla ghiandola pineale influenza direttamente i malesseri legati alla depressione, peggiorandoli.

  • Pillola

Non rientri in nessuno di questi casi? Presta comunque attenzione, assumere melatonina è sconsigliato anche se utilizzi la pillola anticoncezionale. Il consumo del presidio aumenta di per sé la produzione di melatonina; aggiungere gli integratori potrebbe causare fenomeni di sovra dosaggio.

Assumere la melatonina, alcuni vantaggi

  • Menopausa: Assumere integratori di melatonina durante la menopausa apporta benefici importanti; i sintomi a carattere psicologico diminuiscono, migliorando il benessere generale messo a dura prova dal turbolento cambiamento del corpo della donna.
  • Colesterolo: L’ormone prodotto dalla ghiandola pineale regolarizza inoltre il colesterolo LDL (particolarmente pericoloso per i vasi ematici), migliorando i livelli di pressione alta, grande nemica del nostro benessere.
  • Sistema immunitario: La melatonina viene spesso consigliata dai medici in abbinamento a zinco e selenio, due preziosi minerali che fortificano l’efficienza del sistema immunitario.

Controindicazioni della melatonina

Gli studi condotti non rivelano eventuali effetti collaterali legati a dosaggi di melatonina in tempi prolungati. Il trattamento dell’insonnia importante, curata con alti dosaggi di melatonina (pari a 5 grammi), non ha dimostrato effetti negativi sulle capacità psicomotorie e cognitive al risveglio.

Se vuoi migliorare la qualità del sonno, addormentarti facilmente e riposare pacificamente, la melatonina potrebbe fare al caso tuo. Chiedi in farmacia l’integratore più adatto alle tue esigenze. Ne esistono moltissimi, in ogni formato, semplici o arricchiti da altri importanti principi nutritivi. Presta attenzione alle dosi e ricorda: è un rimedio naturale al di sotto dei 2 grammi di principio attivo, diviene farmaco se supera tale quantità.

La melatonina funziona? Anche se non fa miracoli, migliora la condizione generale legata al sonno, senza contro indicazioni. Da provare assolutamente se soffri di insonnia leggera o riposo disturbato.

Commenti disabilitati su I benefici della melatonina, a cosa serve e quali sono le controindicazioni